Fondata nel 2014, l’azienda di San Francisco nasce per declinare il mercato dell’health tracking al femminile: la sua offerta è ricca di dispositivi wearable dal design raffinato pensati da e per le donne. La storia di Bellabeat è già costellata di traguardi: riconosciuta nel 2014 come una delle migliori startup da Y Combinator, acceleratore di impresa statunitense, Bellabeat divenne subito un nome rilevante nel panorama della Silicon Valley ottenendo un finanziamento finalizzato a struttura l’attività e a lanciare, nel maggio 2015, Leaf Nature, oggi universalmente riconosciuto come l’health tracker per le donne.

Il successo dell’azienda è anche quello di Urška Sršen, co-fondatrice di Bellabeat che Forbes inserì nel 2016 nella lista dei “30 under 30” più influenti, con particolare riferimento al campo della tecnologia. “Volevo progettare tecnologia che non fosse solo utile ma anche bella, qualcosa che le donne fossero felici di indossare e usare” afferma Urška, “Credo che le donne siano state ampiamente trascurate come utenti di tecnologia, ma quando progettiamo prodotti che sono appositamente adattati alle loro esigenze, lo apprezzano e ne riconoscono i benefici per la salute”.

Sonno, movimento, meditazione e fertilità femminile

Distribuito in Italia da Nital, Bellabeat fonda la sua attività su tre pilastri volti a soddisfare al tempo stesso corpo, mente e anima: tecnologia, benessere e fashion. Tutti i prodotti del brand, che vanno da un’elegante ciondolo alla collana o al braccialetto per la donna moderna, sono realizzati con materiali naturali come legno e pietra. Grazie a speciali sensori e a un’app dedicata, registrano i dati relativi al movimento e al sonno, ma fungono anche da guida per gli esercizi di meditazione e respirazione, per la gestione della fertilità e non ultimo possono determinare l’insieme dei fattori che causano nella donna maggiore stress.


Un commento su “Tecnologia al femminile. Bellabeat arriva in Italia grazie a Nital”

I commenti sono chiusi.